REGOLE PER L’IMBARCO

undefined

Quello che c’è da sapere se sei in partenza

Check-in, permanenza e sbarco sui mezzi Liberty Lines sono regolate secondo modalità precise. Per agevolare queste operazioni segui alcune semplici indicazioni.

CHECK-IN

Sei tenuto a presentarsi all’imbarco almeno 15 minuti prima dell’ora prevista per la partenza del mezzo, già muniti di regolare Biglietto. Prima di salire a bordo, è necessario effettuare le operazioni di check-in svolte dal personale di terra Liberty Lines. La carta di Imbarco è indispensabile per salire a bordo, esibiscilo e sali a bordo.  Ricorda che il tuo titolo di viaggio è personale, non cedibile, né trasferibile ed è valido soltanto per la partenza in esso indicata. Qualora siano presentati biglietti intestati ad altra persona, sarai tenuto al pagamento di un nuovo biglietto.

DURANTE IL VIAGGIO

Per ragioni di sicurezza, è obbligatorio restare seduti durante la navigazione e fino al completamento delle operazioni di ormeggio. Il ponte di comando è un’area accessibile solo ed esclusivamente al personale di bordo.

SBARCO

All’arrivo a destinazione, sarai guidato nell’operazione di sbarco dagli annunci del Comando di Bordo: presta particolare attenzione affinché tutto si svolga nella massima sicurezza.

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO PASSEGGERI A BORDO DEI MEZZI NAVALI VELOCI della “LIBERTY LINES S.P.A.”      

Art. 7 IMBARCO – SBARCO – PERMANENZA A BORDO           

I passeggeri con gli eventuali veicoli al seguito sono tenuti a presentarsi all’imbarco, muniti di regolare biglietto almeno trenta minuti prima della partenza della nave o del mezzo veloce; trascorso tale termine non sarà garantito l’imbarco. 2° comma – Abrogato. L’imbarco e lo sbarco dei veicoli al seguito dei passeggeri vengono effettuati a cura del passeggero stesso. Le operazioni di imbarco e sbarco avvengono secondo l’ordine ed i criteri di volta in volta stabiliti dal Comando di bordo. L’imbarco del veicolo è subordinato oltre che all’effettuazione del viaggio, alle esigenze della nave e ad ogni altra esigenza comunque connessa alla navigabilità della nave e alla sicurezza della navigazione. Tutto ciò ad insindacabile giudizio del Comando così come previsto dalle norme in materia, anche nel caso in cui tra il passeggero e la Società sia intervenuta pattuizione riguardante la “riserva di spazio” (prenotazione). L’imbarco, la permanenza a bordo e lo sbarco dei passeggeri e dei veicoli sono disciplinati dalle norme di legge, dalle disposizioni impartite dal Comando della nave in relazione a particolari situazioni, nonché dalle disposizioni seguenti: a. salvo quanto previsto dal 2° comma dell’art.192 del Codice della Navigazione, l’imbarco dei passeggeri manifestamente affetti da malattie gravi o, comunque, pericolose per la sicurezza della navigazione, e per l’incolumità delle persone a bordo, è condizionato alle autorizzazioni date dalle competenti Autorità Sanitarie; b. anche se non sussiste pericolo per la sicurezza della navigazione e per l’incolumità delle persone a bordo, per l’imbarco dei passeggeri che siano manifestamente in condizioni fisiche tali da sconsigliare il viaggio via mare, è richiesta, nell’interesse dei passeggeri stessi, certificazione medica che autorizzi l’effettuazione del viaggio; c. non saranno ammessi a bordo passeggeri in evidente stato di agitazione o in palese e molesto stato di ubriachezza; d. è obbligatorio utilizzare per il trasporto marittimo in relazione alla peculiarità di detto trasporto, veicoli efficienti in ogni parte, soprattutto per quanto riguarda gli organi di frenatura, rotolamento, sospensione e ove previsto, rizzaggio; e. è obbligatorio presentare all’imbarco veicoli con il carico imballato, sistemato e rizzato a regola d’arte e con gli accorgimenti e gli eventuali sistemi di custodia richiesti dal tipo di merce e dal tipo di veicolo, il tutto secondo criteri idonei al trasporto via mare; f. è obbligatorio per i conducenti dei veicoli al seguito: − innestare una marcia bassa e tirare a fondo il freno di stazionamento; − togliere le chiavi dal cruscotto e spegnere ogni apparato elettrico; − disinserire l’impianto di allarme; − per camper e roulotte, chiudere tutte le valvole di intercettazione gas e disinserire gli apparati elettrici; − lo stato in cui viene lasciato il veicolo deve rispettare le modalità previste dall’Autorità Marittima. g. è obbligatorio dichiarare al Comando di bordo, prima dell’imbarco, il trasporto di veicoli alimentati a gpl/metano o altri gas. Il trasporto dei veicoli frigorifero è sottoposto alle norme del RINA (Registro Italiano Navale), nonché alle norme regolamentari emanate in materia dalla competente autorità, norme che vietano l’uso a bordo delle fonti di energia dei veicoli stessi. La Società si riserva, a richiesta del passeggero, al seguito del quale il veicolo viaggia, e nei limiti della disponibilità della nave, di fornire l’energia elettrica di bordo, sempre che i veicoli siano forniti dello speciale innesto antideflagrante. Nel caso di fornitura di energia elettrica di bordo, l’eventuale interruzione della fornitura di detta energia da parte della nave per qualsiasi ragione o causa, nessuna esclusa ed eccettuata, o di variazioni nella tensione, non comporta responsabilità per il Comando e, per esso, della Società, in quanto il passeggero riconosce che l’allacciamento con l’impianto di bordo avviene a suo rischio e, sotto sua responsabilità, anche nei riguardi dei terzi. La fornitura di energia può essere anche sospesa dal Comando di bordo nel caso in cui il motore del veicolo frigorifero non risultasse, a parere di detto Comando, regolarmente funzionante e non offrisse idonee garanzie di sicurezza per il carico e per la nave. Ai fini della propria incolumità i passeggeri sono tenuti all’osservanza delle disposizioni in materia di sicurezza impartite tramite cartelli, messaggi audio oltre che comunicate direttamente dal personale di bordo.

Art. 15 IMPEDIMENTO DEL PASSEGGERO – MANCATA PARTENZA ED INTERRUZIONE DEL VIAGGIO DEL PASSEGGERO – RIMBORSO

 CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO PASSEGGERI A BORDO DEI MEZZI NAVALI VELOCI della “LIBERTY LINES S.P.A.”                

La rinuncia al viaggio, deve essere comunicata, dal passeggero, con le seguenti modalità: − fino a due ore prima della partenza, presso una qualsiasi delle agenzie di viaggio abilitate dalla Società, alla vendita di biglietti, oppure presso le biglietterie degli scali; − fino a 30 minuti prima della partenza, presso la biglietteria dello scalo di imbarco. In questo caso il contratto è risolto ed al passeggero è dovuto il rimborso del biglietto con applicazione delle penalità determinate nelle seguenti percentuali: – 10% per passaggi disdetti fino al giorno prima della partenza, – 25% per passaggi disdetti il giorno della partenza e fino a 30 minuti prima della stessa. I diritti di prenotazione non sono mai rimborsabili. L’eventuale possibilità di comunicare la rinuncia anche a soggetti diversi da quelli precedentemente indicati, sarà esposta nel materiale illustrativo distribuito dalla Società. Il diritto al rimborso dei viaggi disdetti nei termini innanzi indicati, si prescrive – in ogni caso – trascorsi sei mesi dalla data di partenza indicata sul biglietto. Nessun rimborso è dovuto per i viaggi non disdetti entro i termini innanzi indicati. Se il passeggero è costretto ad interrompere il viaggio per causa a lui non imputabile, il prezzo di passaggio è dovuto in proporzione al tratto utilmente percorso. Se il viaggio è interrotto per fatto del passeggero, la Società non è tenuta alla restituzione della differenza del prezzo di passaggio relativo al tratto non utilizzato (art.406 Codice della Navigazione). Art. 16 RESPONSABILITÀ Il Comandante è ufficiale di polizia giudiziaria e, in tale qualità, esercita i poteri di cui agli artt.221 e seguenti del Codice di Procedura Penale, nel caso che siano commessi reati a bordo in corso di navigazione ed esercita la sua autorità su tutte le persone che si trovano a bordo (equipaggio e passeggeri). Egli ha poteri disciplinari e di polizia di sicurezza della navigazione. Il passeggero, dal momento dell’imbarco e fino allo sbarco, deve attenersi alle disposizioni date dal Comando di bordo; inoltre deve improntare il suo comportamento alla comune diligenza e prudenza, vigilando sulla sicurezza ed incolumità propria, delle persone e degli animali che sono sotto la sua custodia, nonché sulla sicurezza delle proprie cose, e ciò ove più lo richiedano le condizioni meteo-marine del viaggio. La Società è responsabile dei sinistri ai passeggeri che dovessero verificarsi dall’inizio dell’imbarco fino al compimento dello sbarco e della perdita o dell’avaria delle cose che il viaggiatore porta con se non prova che gli eventi siano derivati da cause ad essa non imputabili. Sono fatti salvi i casi in cui l’evento derivi da cause non imputabili alla Società stessa, da inosservanza, da parte del passeggero, delle prescrizioni stabilite dal Comando della nave per la salvaguardia della vita umana in mare. La Società non sarà in alcun caso responsabile di perdite e danni causati ai veicoli imbarcati o alle cose in essi contenute da qualsiasi altro veicolo. Eventuali reclami andranno regolati direttamente fra le parti coinvolte.