News
news NAPOLI

il capitone napoletano

A Natale e a Capodanno, a Napoli, è il trionfo della buona cucina del Sud. Pizza di scarole, minestra maritata, broccoli di natale, frittura di pesce: sono solo alcuni dei piatti della tradizione che ogni napoletano si ritrova sulla propria tavola. Ma ce n’è uno che è davvero un punto fermo della tradizione, un pasto praticamente intoccabile. Si tratta del capitòne, la femmina dell’anguilla, che viene consumato fritto. Il motivo è da ricercare nella superstizione. Essendo molto simile ad un serpente, animale che per il Cristianesimo rappresenta il male, mangiarlo nel giorno in cui si festeggia la nascita di Gesù è infatti un atto simbolico e di buon auspicio.
Un’altra teoria, invece, riconduce la tradizione del capitòne alla volontà, da parte di chi non aveva mezzi economici, di mangiare un pesce grasso e sostanzioso.
Questa deliziosa prelibatezza si può consumare anche nei ristoranti della città.

Scopri

NAPOLI

Tra arte, cultura, folklore


Offerte

Una vagonata di promozioni!

DOPPIO SCONTO SE VIAGGI CON LIBERTY LINES E TRENITALIA Scopri tutti i dettagli dell’offerta.

napoli

Mica solo di pizza, vesuvio e mandolino!

Mica solo di pizza, Vesuvio e mandolino! A Napoli un modo per far festa lo si trova...

Il museo di capodimonte

La reggia di Capodimonte che da metà del secolo scorso ospita, al proprio interno...

Le zeppole di carnevale

Un impasto lievitato arricchito di burro ed aromatizzato con della vaniglia

BIGLIETTERIA

CERCA LA
BIGLIETTERIA
PIÙ VICINA A TE

VEDI