LIBERTY LINES
loading...

I BRONZI DI RIACE

I BRONZI DI RIACE

Capolavori senza età

Le due sculture, famose in tutto il mondo, furono ritrovate nel mare Ionio, a 300 metri dalle coste di Riace in provincia di Reggio Calabria, nel 1972. L’eccezionalità del ritrovamento fu subito chiara, date le poche statue originali che ci sono giunte intatte dalla Grecia. Esposte nel Museo archeologico di Reggio Calabria, Palazzo Piacentini, -il museo più visitato del Sud, dopo quello di Capodimonte-, sono da attribuirsi a due differenti artisti e a due epoche distinte. Ignoti anche i personaggi raffigurati, e la collocazione che avevano nell’antichità. Probabilmente si tratta di due atleti o di due guerrieri, raffigurati come simbolo di vittoria, presentandosi con una notevole elasticità muscolare che trasmette una grande sensazione di potenza. Verosimilmente furono realizzate ad Atene e da lì rimosse per essere portate a Roma, forse destinate alla casa di qualche ricco patrizio. Ma l’imbarcazione che le trasportava dovette affondare e il prezioso carico finì sommerso dalla sabbia a circa 8 metri di profondità. Le statue sono così rimaste incastrate nel fondale per circa duemila anni, prima che ritornassero a mostrarci tutto il loro splendore.

per ulteriori informazioni: www.beniculturali.it



/VEDI ANCHE

/CONTACT CENTER

ORARI
LUN - DOM 08:30 - 19:00